Trekking residenziali

Pensati per coloro che amano avere qualche confort in più. Le escursioni sono ogni giorno diverse,  partendo sempre dallo stesso B&B, o albergo, o rifugio.  Si porterà solo lo zaino di 25/30 litri,  con l'equipaggiamento per le escursioni giornaliere (borraccia per l'acqua, giacca a vento, una mantellina per la pioggia, un pile leggero e lo spuntino).

Il grado di difficoltà per questa tipologia di trekking è  medio o lovers heart. In ogni caso, prima di dare la tua adesione, assicurati di aver letto e compreso le Condizioni Generali.

qui l'agenda


Trekking itineranti

Il termine indica un viaggio escursionistico in zone di montagna. Più genericamente indica un viaggio avventuroso. Il dizionario indica alla parola trekking: "una forma di escursionismo su percorsi naturali, spesso poco agevoli, ma comunque sicuri, di più giorni, da farsi a piedi, eventualmente pernottando in tenda, bivacchi o rifugi".   Lo zaino dovrà contenere il necessario per tutta la durata del viaggio, per cui consiglio una zaino da 75/90 litri. Il grado di difficoltà per questi trekking può essere medio o  lovers heart.  In ogni caso, prima di dare la tua adesione, assicurati di aver letto e compreso le Condizioni Generali.

qui l'agenda

 


 SULLE VIE DEI PELLEGRINI

 esplorare l'Italia alloggiando all'interno dei Monasteri

 

Uno degli stimoli al viaggio è sempre stato costituito nella storia dell'umanità, dalla religione: i pellegrinaggi verso le tombe degli apostoli o le grandi abbazie; la visita ai santuari per l'implorazione di un miracolo o di una grazia, per mantenere un voto, per accostarsi ai luoghi natali di un grande santo. Ancora oggi la fede muove moltitudini di turisti. Il Piemonte, terra di antiche tradizioni, è una delle regioni più apprezzate da questo punto di vista: le grandi abbazie, i Sacri Monti, tra i maggiori d'Italia, le Basiliche, i Santuari, i Monasteri. Il Piemonte terra di Santi, il cui nome è reso famoso nel mondo più dall'eredità spirituale di un Don Bosco che dal nome dei suoi vini. 

LA VIA FRANCIGENA

Nel Medioevo, la cosiddetta via Francigena rappresentò forse il percorso stradale più importante d'Italia. Essa parte da Canterbury per arrivare a Roma e viceversa. Dal colle del Gran S. Bernardo e dal Moncenisio entrava in Piemonte, per sbucare poi a Pavia e continuare lungo l'Emilia Romagna, la Toscana e il Lazio per arrivare a Roma. Ma le varianti francigene sono numerose e sono tutte una naturale integrazione del percorso principale e tutte con un loro percorso spirituale. Era stato Sigerico che l'ha tracciata e che ne racconta in una guida che aveva fatto scrivere al suo segretario. Si incontravano lungo questa strada uomini d'arme e mercanti, eserciti e uomini di preghiera. E tantissimi pellegrini: in particolare quelli che dal Nord scendevano a Roma, culla della Cristianità, la sede del papato; o che raggiunto il sud del Paese, si imbarcavano ad Otranto e proseguire per la Terra Santa.

sulle vie dei pellegrini 2016-2017 qui

qui l'agenda


Racchette da neve

La popolarità delle racchette da neve (o ciaspole se si vuole adoperare il termine trentino) è dovuta alla grande facilità di impiego che non richede una tecnica particolare: si calzano e l'escursione sulla neve può iniziare. Sulla scheda sarà indicato se l'escursione è di un giorno oppure di più giorni, come pure i consigli sull'equipaggiamento.  Così come per le escursioni in natura, anche le uscite sulla neve si suddividono in:

  • leggere o turistiche  (max. 2 ore in tutto)
  • medie                          (max. 2 ore + pausa spuntino + 2 ore)
  • loversheart                     (oltre le 5 ore)

In ogni caso, prima di dare la tua adesione, assicurati di aver letto e compreso le Condizioni Generali.

qui l'agenda